All’osservatore attento non sfuggirà che gli armadi della biblioteca sono scanditi da lettere dell’alfabeto, da A ad O, che corrispondono ad una divisione dei volumi per materie. L’antico ordinamento topografico è restituito dal Catalogo delle opere esistenti nella Biblioteca Tadini e dal Catalogo alfabetico degli autori opere dei quali esistono nella Biblioteca Tadini, compilati entro il 1829, e successivamente aggiornati da don Paolo Macario.
Grazie ai due inventari manoscritti è possibile ricostruire la consistenza della biblioteca e la disposizione originaria dei volumi. Nell’antico ordinamento, i volumi erano così suddivisi:
Catalogo delle opere esistenti nella Biblioteca Tadini
Scansia A) Grammatiche, Dizionari, e Rettorici.
Scansia B) Storie di uomini letterati, di uomini illustri, relazioni di viaggiatori, e geografia.
Scansia C) Scrittori latini antichi, e moderni, e loro traduzioni,: greci, e loro traduttori; traduzioni di altre opere.
Scansia D) Metafisici, Fisici, Astronomi, Matematici, e Chimici.
Scansia E) Opere, ed Antichità.
Scansia F) Giornali, Storie letterarie, Critiche, e Dispute.
Scansia G) Pittura, Scultura, Architettura, Agricoltura, ed altre Belle Arti.
Scansia H) Medici, politici, legali.
Scansia I) Storie antiche, e moderne; generali e parziali.
Scansia K) Miscellanea, ed Opere Duplicate Sacre.
Scansia L) Sacri.
Scansia M) Prosatori italiani.
Scansia N) Comici, Tragici, e Drammatici.
Scansia O) Poeti d’ogni genere.

L’inventario topografico è stato trascritto da Giulietta Guerini, Irene Gobbi, Filippo Michieli e Lorenzo Valente nell’ambito del progetto Alternanza scuola-lavoro elaborato con l’IIS Decio Celeri di Lovere (anni 2014-2016) e sarà presto consultabile a partire da questa pagina.