Se la storia dell’Accademia Tadini è indissolubilmente legata alla musica classica, non si può negare che il secolo scorso ha portato alla ribalta nuove forme musicali che nello sviluppo degli anni hanno introdotto “nuovi stili classici”: il blues e i suoi derivati rock e jazz. Da questa considerazione nasce l’idea del Gruppo Jazz dell’Associazione Luigi Tadini di valorizzare questa musica che rivendica la sua tradizione e al contempo continua a svilupparsi senza rifiutare contaminazioni con alcuni stilemi del rock, progressive, musica popolare, elettronica e la stessa musica classica contemporanea.

Il Gruppo di lavoro Jazz (più ristretto rispetto agli aderenti al Gruppo Jazz), coordinato da Alberto Mondinelli, è costituito da Boris Savoldelli, Stefano Bertoli, Massimiliano Milesi e Saverio Settembrino, affermati musicisti e docenti di Conservatorio.

L’obiettivo è quello di dare vita a un programma organico che possa puntare, non solo su Lovere, ma a portare il jazz in tutto il territorio sebino e camuno, estendibile anche ad altre zone, soprattutto la Valle Seriana sulle orme di Clusone Jazz.

Il programma prevede tre linee d’azione: la prima legata alla formazione, la seconda a una serie di concerti con contatti internazionali di grande rilievo e la terza nella classificazione e conservazione del materiale storico.

Il primo passo nel 2021 è stata l’organizzazione del festival Le 2 Rive del Jazz con sei concerti sul Lago d’Iseo e località limitrofe che ha riscosso un ottimo riscontro di pubblico e media.

Forti di questa esperienza si è varato un ambizioso Programma 2022.

Programma 2022

Video documentario su Lovere Jazz ’70

L’obiettivo è raccontare le quattro edizioni dal 1977 al 1980 di questo festival assolutamente innovativo e all’avanguardia per l’epoca. Uno strumento anche per iniziative nelle scuole e con le bande musicali per trovare nuovi (e giovani) iscritti.

Stagione invernale in Sala Affreschi di lezioni-concerto

Il primo concerto ha visto protagonista Corrado Guarino Piano Solo (arrangiatore e coordinatore del dipartimento Jazz del Conservatorio di Brescia)

Sala d’ascolto

  • Archivio Lovere Jazz
  • Archivio Clusone Jazz
  • Raccolta vinili della Donazione Bertoli

L’obiettivo è organizzare il materiale e studiare la possibilità di renderlo disponibile (anche per il successivo progetto della Mark Murphy Repository)

Mark Murphy Repository

Curato da Boris Savoldelli per documentare l produzione musicale e la vita artistica di uno dei massimi jazz singer.

Conservatorio Brescia

Collaborazione e sviluppo di iniziative con il Dipartimento Jazz del Conservatorio di Brescia

Progetto Without Borders

Curato da Saverio Settembrino prevede l’interscambio con scuole di musica europee (Covid permettendo)

Stage Summer Jazz 2022

Stage sulla pratica jazzistica in Big Band in collaborazione con JW Orchestra e l’Associazione musicale Suonintorno. Gli insegnanti saranno Marco Gotti, Sergio Orlandi, Stefano Bertolie Boris Savoldelli. Periodo: fine giugno – inizio luglio 2022.

Le 2 Rive del Jazz 2022

Il Festival sarà riproposto su un massimo di 10 date sempre in partnership con Iseo Jazz. Dopo gli ottimi riscontri della prima edizione, si punta a un ulteriore salto qualitativo anche in prospettiva di un progetto organico per il 2023 quando Bergamo e Brescia saranno Capitali della Cultura.