Autore: Salomon Adler (Danzica 1630-Milano 1709)

Data: 1680-1690 circa,

Tecnica e supporto: olio su tela

Dimensioni: 75 x 58 cm

Inventario: P 100

“398. Ritratto di un uomo con berretta bianca in testa, abito oscuro, e fettuccia rossa al traverso sulla camicia. Opera bellissima di autore fiamming”

Luigi Tadini, Descrizione generale dello Stabilimento dedicato alle Belle Arti in Lovere dal Conte Luigi Tadini cremasco, Milano 1828.

Il dipinto, acquistato da Luigi Tadini come opera di un pittore fiammingo, è stato successivamente riferito da Gustavo Frizzoni a Gherard van Hornthorst (un parere accolto nella Guida, 1903, p. ). Il riferimento sarà messo in discussione nel 1913 da Roberto Longhi, che rileva il carattere prevalentemente rembrandtiano del dipinto (Savy 2021, p. 208). Nel 1931 Adolfo Venturi suggerisce il nome del polacco Salomon Adler (comunicazione al Museo) successivamente messa in discussione dai pareri del restauratore Mauro Pelliccioli (Jan Kupecký), Wart Arslan (1949, pittore napoletano di inizio Settecento) e Cesare Brandi (1969: Micco Spadaro), tutti registrati sull’inventario manoscritto della Pinacoteca (Pinacoteca 1966, p. 27). Nel 1992 la tela risulta esposta come “Ignoto di scuola napoletana del ‘700” (Scalzi 1992).

Si deve a Paolo Vanoli (comunicazione orale) il riferimento a Adler, accolto da Filippo Maria Ferro e da Francesco Frangi (comunicazione scritta al museo).

Il pittore polacco Salomon Adler, attivo a Venezia dal 1653, è documentato a Crema nel 1665 (L. Carubelli 2007) e quindi dal 1670 con continuità a Milano (F. Frangi, in Pittura a Milano 1999; V. Pasolini, in Il ritratto 2002).

Il restauro in corso, condotto da Roberta Grazioli e sostenuto da Marsilio Arte, sarà l’occasione per verificare l’attribuzione e proporre un approfondimento.

Il restauro si avvale delle indagini diagnostiche condotte dal Laboratorio Diagnostico per i Beni Culturali, Alma Mater Studiorum- Università di Bologna Dipartimento di Beni Culturali, Campus di Ravenna.

 


Per saperne di più:

Catalogo della Galleria Tadini in Lovere, Lovere 1903, p. 16 n. 100

E. Scalzi, Accademia di Belle Arti Tadini. Catalogo dei quadri esistenti nella Pinacoteca con note illustrative, Lovere 1929, p. 60 n. 100

G. A. Scalzi, Guida alla Galleria Tadini, 2 volumi, Lovere 1992., II, p. 44 n. 100

L. Carubelli, Salomon Adler a Crema, in “Arte Lombarda”, 149, 2007, 1, pp. 80-82

F. Frangi,in Pittura a Milano dal Seicento al Neoclassicismo, a cura di M. Gregori, Milano 1999, pp. 276-278

V. Pasolini, Il ritratto in Lombardia da Moroni a Ceruti, catalogo della mostra (Varese, Castello di Masnago, 21 aprile-14 luglio 2002), a cura di F. Frangi, A. Morandotti, Milano 2002, pp. 234-236

B.M. Savy, Per la fortuna critica dell’Accademia Tadini: gli appunti di Roberto Longhi. Introduzione, Trascrizione e note critiche in M. Albertario, B.M. Savy, Il giovane Paris/Il giovane Longhi, con contributi di P. Aiello, V. Gheroldi (Quaderni dell’Accademia Tadini 5), Milano 2021, pp. 163-237, p. 208