homepage > Un'opera, una storia - Tazzina e piattino a trembleuse

Opere


Tazzina e piattino a trembleuse

Manifattura veneziana - XVIII secolo, prima metà
vetro calcedonio, h. 8/8,2 x 7 cm di diametro la tazzina, 4,8/5 x 13 cm di diametro il piattino
H 522

L’inventario giudiziale compilato nel 1829 alla morte del conte Luigi Tadini registra, tra gli oggetti esposti nello Stabilimento di belle arti, al n. 115 “Una tazzina con sottocoppa di porcellana pel cioccolato”. La descrizione è piuttosto generica, ma il riferimento alla cioccolata e il fatto che ne sia descritto un solo esemplare che non era evidentemente stato acquistato per l'uso suggerisce l'identificazione con la tazza e il piattino in vetro calcedonio. La qualità del materiale potrebbe aver suggerito agli estensori dell'inventario l'errata identificazione con la porcellana.

La tazza con coppa a campana e piede troncoconico è abbinata ad un piattino con alta base cilindrica, realizzata appositamente per favorire l'alloggiamento della tazzina. L'insieme ripropone in vetro una forma prodotta in genere in porcellana, la cosiddetta tazza a trembleuse, usata per servire la cioccolata. La densità della bevanda richiedeva un costante movimento circolatorio per impedire che si addensasse, e la particolare forma della trembleuse impediva alla tazza di scivolare.