homepage > - Conclusa il 23 settembre la mostra dedicata a Giorgio Oprandi

Notizie


Conclusa il 23 settembre la mostra dedicata a Giorgio Oprandi

domenica 23 settembre 2018

“La mostra si poneva un obiettivo ambizioso: riprendere la tradizione di studi che, alla fine degli anni ’90, aveva visto l’Accademia Tadini intervenire con contributi significativi sulla pittura lombarda tra Otto e Novecento, indagata attraverso le sue personalità (Mancini, Tallone, Trussardi Volpi) e le correnti (Orientalismo e Pittura di paesaggio) – sottolinea Roberto Forcella, presidente dell’Accademia Tadini - in questo contesto, dopo aver affrontato i grossi temi di Hayez e Canova, possiamo dire che Oprandi rappresentava un appuntamento irrinunciabile, anche a fronte del legame forte tra il pittore e il museo.”

Giorgio Oprandi. Lo sguardo del viaggiatore, curata da Marco Albertario con la collaborazione di Silvia Capponi, ha toccato in poco meno di tre mesi, più di 8000 presenze: tra ingressi ridotti in occasione delle aperture serali e il vero e proprio boom di visitatori ad inizio settembre in concomitanza con il Memorial Stoppani. La mostra ha riscosso il plauso sia degli addetti ai lavori che dei singoli visitatori. Buona anche la risposta agli eventi organizzati in concomitanza: dalle conversazioni in mostra condotte dagli educatori di Girarte al reading del Diario d’Eritrea di Tiberio Ghitti e Matteo Fiorini.

“Oprandi sembrava avere una doppia identità: il pittore era rimasto nel cuore dei suoi concittadini, circondato da grande affetto, ma questo rischiava di far passare in secondo piano la sua importanza a livello nazionale e internazionale, il suo ruolo di “primo pittore delle colonie italiane - aggiunge il curatore Marco Albertario - l’obiettivo è stato senz’altro raggiunto con questa esposizione, anche grazie alle approfondite ricerche storiche delle quali il catalogo dà conto, e che vogliamo proseguire in futuro con approfondimenti su temi che la mostra ha solo sfiorato. Il risultato è già soddisfacente perché sono state già registrate 500 opere dell’artista.”