homepage > Mostre - L'Accademia Tadini rende omaggio a Franca Ghitti, grande interprete della vicenda artistica del secondo Novecento

Mostre


L'Accademia Tadini rende omaggio a Franca Ghitti, grande interprete della vicenda artistica del secondo Novecento

martedì 10 aprile 2012
"Scegliere come punto di partenza l’atrio dell’Accademia, che proprio con questa esposizione ha recuperato il suo valore di spazio museale, adibito o da adibire all’esposizione di sculture che qui più ancora che nelle sale dell’atelier recuperano entrano in rapporto con l’antico – un rapporto necessario oltre che per la vocazione del museo.
Tale rapporto è reso esplicito dalla porta del silenzio, una delle versioni del tema che Franca Ghitti ha più volte svolto, con modalità sempre differenti ma sempre con una grande pregnanza di significato.
Il tema della porta interessa qui perché si tratta di una porta avulsa dal suo contesto, di una porta che si fa oggetto scultoreo, che qui entra in dialogo con una tra le opere più belle del museo, il monumento scolpito da Canova per Faustino Tadini.
La porta è composta da una serie di elementi modulari saldati; ad una più attenta osservazione, ci si accorge che questi elementi modulari saldati sono, in realtà, quelli che si chiamano in linguaggio tecnico “sfridi”, vale a dire scarti di fusione che Franca ha assunto come punto di partenza per la costruzione di opere d’arte nuove.
Questa riflessione, cioè la constatazione che l’opera d’arte nasce da un insieme di elementi collegati, riporta al titolo di un volume dedicato al lavoro di Franca Ghitti, Altri alfabeti: l’alfabeto è composto da lettere, le lettere sono segni o suoni che diventano significanti nel momento in cui sono collegati tra di loro in una parola, o in una frase. Questa metafora aiuta a spiegare il lavoro di Franca Ghitti, un lavoro che riparte, se vogliamo, da zero, e riparte proprio dalla necessità, o dalla possibilità, di creare attraverso questi elementi, questi segni, una lingua nuova che nasce proprio dall’assemblaggio dei segni. "