“Venendo dalla valle Cavallina, appena si vede il lago d'Iseo, che si presenta allo sguardo Lovere e particolarmente lo Stabilimento dedicato alle belle arti, il quale si ritrova al cominciar del paese.
È questo un vasto fabbricato lungo 142. braccia milanesi. ...
Nell'ingresso si trova tosto la gran scala, ... che porta al piano nobile dello Stabilimento. ...
Salita la scala sì entra nella gran sala destinata ad Accademie e ad altre pubbliche feste.
In questa sala incomincia la galleria dei quadri ...”
 
     (Dalla Descrizione del conte Luigi Tadini,1828)



NEWS


Il cavaliere malinconico

Sarà presentato martedì 31 maggio, alle ore 18.00 presso la Sala dei Concerti dell'Accademia Tadini il restauro del dipinto di Paris Bordon, Madonna con il Bambino e i santi Giorgio e Cristoforo (pala Manfron), realizzato nel 1526-1527 circa per la chiesa di Sant'Agostino a Crema.

Il complesso intervento di restauro, realizzato da Alberto Sangalli e Minerva Tramonti Maggi, è stato sostenuto dalla Fondazione Credito Bergamasco.



Daniele Salvalai - Squarto

Sabato 21 maggio, alle ore 17.30, presso la Sala dei Concerti dell'Accademia Tadini, presentazione della mostra di Daniele Salvalai, Squarto, e del volume "Squarto. Carne da Macello" (Collana "I giovani maestri", a cura di Maria Fratelli).

Interverranno Maria Fratelli, direttore dello Studio Museo Francesco Messina, Milano; Sabino Maria Frassà, direttore artistico Cramum e Segretario generale della Fondazione Giorgio Pardi; Daniele Salvalai.

La mostra sarà aperta dal 21 maggio al 3 luglio, con i seguenti orari: da martedì a sabato, ore 15.00-19.00; domenica, ore 10.00-12.00; 15.00-19.00.



Torna a suonare il violino del conte Tadini

Tornerà a suonare giovedì 12 maggio alle ore 21,15, nelle mani del maestro Crtomir Šiškovic accompagnato da Cinzia Bartoli, il prezioso violino tardosettecentesco dell’Accademia Tadini, “Il Sebino”.

Lo strumento, probabilmente prodotto a Cremona nell’ambito di Bergonzi (XVIII secolo), fu acquistato dal conte Luigi Tadini per l’educazione musicale del figlio Faustino. Un attento intervento di restauro eseguito dal maestro Gabriele Negri, ha permesso allo strumento di recuperare la sua “voce”.

L’intervento è stato promosso dal Lions Club di Lovere, con il sostegno di Forni industriali Bendotti, Palini vernici, Tecnosider s.r.l.



Domenica al Museo

L'Accademia Tadini aderisce all'iniziativa "Domenica al Museo" consentendo l'ingresso gratuito la prima domenica del mese.

Il secondo appuntamento per il 2016 sarà domenica 1 maggio, con il consueto orario (ore 10.00-12.00; 15.00-19.00).

Si ricorda che a partire da martedì 3 maggio l'Accademia Tadini adotta l'orario di apertura estivo, che sarà in vigore fino a fino a domenica 2 ottobre 2016.

Sarà possibile visitare la Galleria da martedì a sabato, dalle ore 15.00  alle 19.00; domenica e festivi dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle ore 15.00 alle 19.00.

 



Presentata l'89° Stagione dei Concerti. 16 aprile – 25 maggio 2016

Grandi interpreti sul Palco del Salone dei Concerti:  Somogyi Quartet di Budapest, Ramin Bahrami, Trio des Alpes, Claudio Mansutti, Certomir Siskovic, Cinzia Bartoli, Gaetano Di Bacco, Giuliano Mazzoccante, Marco Perini, Claudio Piastra. 



La cartografia del Sebino - pomeriggio di studi

Si terrà sabato 16 aprile, dalle ore 14.30, il pomeriggio di studi dedicato a La Cartografia del Sebino, secondo momento di riflessione condivisa, dopo l'iniziativa dedicata lo scorso anno a Lady Mary Wortley Montagu, sul patrimonio culturale del Sebino.

Il pomeriggio, organizzato dall'Associazione Amici del Tadini in collaborazione con l'Accademia Tadini, vedrà l'intervento di Giovanni Guizzetti, sindaco di Lovere e coordinatore del G 16; Monica Ibsen e Federico Troletti, storici dell'arte e coordinatori del progetto; Emauela Casti, docente di Geografia, Università di Bergamo; Alberto Bianchi, architetto; Renato Ferlinghetti, docente di Geografia presso l'Università di Bergamo; Franco Macario, storico.

Il Pomeriggio di Studi è finanziato con il contributo di Regione Lombardia – Assessorato allo Sviluppo Economico e la partecipazione dell’Accademia Tadini e degli Amici del Tadini.

A seguire, il programma.